Il Mad Village verrà demolito. Fine in stile Italiano del primo bike park di Torino


 

Pare ormai ufficiale la fine del Mad Village. Dopo anni di scontri con avvocati fra Pump Track Italia ed il Comune di Pecetto la decisione pare irrevocabile: il bike park verrà demolito perché “pericoloso ed illegale”.

Dopo il danno anche la beffa per l’associazione Pump Track Italia che dopo aver investito moltissimo nella pulizia del bosco e nella realizzazione del bike park dovrà ora vedere demolito il proprio lavoro e dovrà anche risarcire il comune per i lavori di demolizione.

Se dal punto di vista dei permessi non possediamo informazioni sufficienti per pronunciarci in merito ci paiono curiose le affermazioni dell’assessore all’urbanistica Cecilia Savio che dice “il tracciato è pensato per chi pratica sport estremi. L’area non è dotata di piste di sicurezza e non è raggiungibile nemmeno con gli elicotteri per i soccorsi”. Sarebbe interessante capire dall’assessore cosa intenda per “piste di sicurezza” e per quale motivo il pendio in questione non sia raggiungibile dall’elicottero.

Continuiamo a costruire campi da calcio, per quelli non c’è alcun problema.

il Mad Village verrà demolito

Rispondi